Una domenica al cardiopalma per le tre squadre Seniores

Una domenica al cardiopalma quella appena vissuta dai tifosi del Rugby Parabiago che hanno visto scendere in campo tutte e tre le compagini Seniores. Risultati alterni per i rossoblù: un pareggio per il First XV maschile a Milano, una sconfitta di misura per le Rugby Parabiago Women e una bella vittoria per la squadra cadetta che espugna il campo di Bergamo.
32 a 32 il finale a Milano per la Serie A maschile. Una partita sempre sul filo di lana che ha visto le due squadre ribaltare  continuamente il risultato per arrivare al pari del Milano con una meta trasformata allo scadere che ha portato al pareggio. Le due squadre portano a casa 3 punti a testa e qualche recriminazione da parte dei Galletti.
Abbiamo lavorato bene in settimana, preparando bene la partita – racconta il Coach Juan Pablo Sanchez. Ma abbiamo commesso alcuni errori, rischiando quando invece, in alcuni momenti, avremmo dovuto gestire meglio le fasi di gioco. Loro sono stati bravi a capitalizzare queste azioni. Nel secondo tempo siamo stati bravi a girare la partita, a portarla a nostro favore. Purtroppo un po’ di mancanza di lucidità e di disciplina ci ha impedito di portare a casa il risultato pieno. Da adesso noi non possiamo più tornare indietro, andiamo avanti con il nostro gioco e il nostro lavoro ma dobbiamo alzare il nostro livello: ultimamente ci adeguiamo al livello di chi ci sta di fronte invece di imporre il nostro. Domenica abbiamo un’altra partita bella tosta con Amatori Union, vediamo di lavorare bene e portare a casa la vittoria.”

Una sconfitta che non ci sta quella delle Rugby Parabiago Women, che perdono la partita nei primi 15 minuti di gioco e poi ritrovano sé stesse, arrivando ad un passo dall’impresa.
24 a 27 il risultato finale a favore del Cus Milano, con un parziale di 19-0 nel secondo tempo per le ragazze rossoblù. Abbiamo chiesto all’Head Coach Samantha Grieco cosa è andato storto nel match giocato dalle nostre ragazze.

Abbiamo visto due partite oggi. La prima è durata 15’, la seconda 65’. Primo tempo 5-27, con 4 mete subite nei primi minuti. Secondo tempo 19 – 0 per noi. Ci siamo confrontati nello staff e, dal nostro punto di vista, all’inizio della partita abbiamo pagato lo scotto del livello basso con cui ci confrontiamo quest’anno. Intendo dire che veniamo da quattro partite con squadre meno esperte di noi e siamo entrate in campo senza capire che oggi non sarebbe stata una passeggiata, che l’intensità e la velocità di gioco sarebbero state diverse. Ci siamo trovate contro una squadra che ha la fortuna di allenarsi con la prima squadra che gioca in Eccellenza, di un livello superiore. Poi le ragazze hanno capito: hanno alzato la testa, hanno alzato il livello del combattimento, del contatto, la velocità, il livello di attenzione e si è vista un’altra partita.  Mi dispiace per tutte le ragazze che non sono entrate, ma l’incipit di stamattina era stato di vedere come sarebbe andata la partita: non ho potuto fare cambi. Non ci voleva il giallo e non ci voleva il fischio così”repentino” dell’arbitro che ha chiuso la partita senza oltrepassare il 40’ nonostante il gioco fosse rimasto fermo in più occasioni: eravamo in forcing, ci fosse stato qualche altro minuto di gioco chissà cosa sarebbe successo. Ci sono tanti aspetti positivi in questa partita: una squadra  che reagito, ha alzato la testa e ha messo in campo molta qualità. Abbiamo visto i frutti del lavoro che stiamo facendo, siamo soddisfatti. Vorrei fare una menzione speciale per Asia de Bernardin, per aver accettato stamattina la scelta tecnica di essere sostituita all’ultimo da Luna Belotti. E complimenti alla nostra Woman of the Match Alice Sandrucci per l’ottima prestazione.”

La vittoria è invece arrivata per la Cadetta, che a Bergamo riesce a fare sua la partita dopo un match molto combattuto concluso sul 15-16.
È stata la partita d’esordio nel nuovo girone e sapevamo che avremmo incontrato una squadra fisica e combattiva – dichiara l’Head Coach Andrea Musazzi. La cosa che più ci preoccupava era il fatto che eravamo fermi da un mese e purtroppo, tra infortuni e malattie di stagione, non siamo riusciti ad allenarci al meglio. Oggi abbiamo saputo soffrire e reagire riuscendo a ribaltare il punteggio che ci vedeva in svantaggio per 15 a 8. La partita nei primi 20 minuti ci ha visto prevalere nel gioco, costringendo Bergamo a difendere nei propri 22 metri e abbiamo portato il risultato sullo 0-8. Poi abbiamo gestito male alcuni palloni e fatto qualche errore di troppo, soprattutto cercando di dare continuità e cercando passaggi che il campo pesante e il pallone scivoloso non permettevano: abbiamo così dato modo a Bergamo di sfruttare e trasformare i nostri errori in punti grazie alla solidità del loro pacchetto di mischia e si sono portati sul 15-8. Un applauso va ai ragazzi entrati dalla panchina, che hanno saputo dare un grosso contributo alla squadra e alla voglia di tutto il gruppo di  reagire che ha portato al calcio di punizione finale che ha fissato il punteggio sul 15-16. Adesso testa a domenica dove incontreremo i Centurioni in casa: sarà un altra battaglia difficile dove cercheremo di dare il meglio per difendere i nostri colori ed esprimere un bel gioco per il pubblico che verrà a vederci. Complimenti a Terreni e Casucci, nostri Men of the Match.”

#alépara chinonavanzaretrocede

IL TABELLINO 

Segrate (MI), C.S. GB. Curioni – Domenica 21 gennaio 2024 ore 14.30
Campionato di Serie A, Girone 1, XI giornata

ASD Rugby Milano v Rugby Parabiago SSD 32-32 (22-17)

Marcatori: 
p.t.: 6’ m. N. Grassi tr. N. Grassi (0-7), 10’ m. Fumagalli (5-7); 19’ m. Romano tr. Romano 12-7; 25’ cp. N. Grassi (12-10); 29’ m. Delcarro (17-10); 38’ m. Galvani tr. N. Grassi (17-17); 40’ Fantoni (22-17).
s.t.: 6’ m. Cornejo (22-22); 15’ cp. Romano (25-22); 20’ m. Cortellazzi (25-27); 34’ m. Albano (25-32); 80’ m. Dapaah tr. Romano (32-32).
ASD Rugby Milano: Bossola; Rosato (72’ Arena), Dotti, Delcarro (61’ Trentani), Fumagalli; Romano, Lucchin (56’ Krsul); M. Ferrari, Sbalchiero ©, Innocenti; Kawau, Conti (68’ Ferraresi); Betti, Fantoni (74’ D. Ferrari), Cetti (74’ Dapaah).
All. Varriale
Rugby Parabiago SSD: Grassi N.; Albano, Tucoulet (65’ Pasini), Durante (74’ Ceciliani), Cortellazzi (65’ Vitale); Silva Soria, Coffaro (61’ Zanotti); Mikaele, Messori ©, Paganin (24’ Galvani); Caila (45’ Bertoni), Toninelli; Castellano (61’ Antonini), Cornejo, Strada (56’ Bettini).  
All. Sanchez
Arb: Chirnoaga (Roma)
AA1 Pretoriani, AA2 Chiappa.
Cartellini: nessuno.
Calciatori: Romano (ASD Rugby Milano) 3/6; N. Grassi (Rugby Parabiago SSD) 3/6.
Note: pomeriggio parzialmente nuvoloso con circa 5 gradi. Campo in ottime condizioni. Presenti circa 200 spettatori.
Punti conquistati in classifica: ASD Rugby Milano 3; Rugby Parabiago SSD 3.
Player of the match: M. Ferrari (ASD Rugby Milano)