Rugby Parabiago Juniores: ottimo l’avvio di stagione

Un ottimo inizio stagione ha caratterizzato il settore juniores del Rugby Parabiago, che tiene il passo dei Galletti primi in classifica nel Campionato di Serie A, in attesa dell’esordio del Rugby Parabiago Women in Eccellenza Femminile il prossimo 20 novembre.

Ci siamo fatti raccontare dai nostri coach le loro impressioni dopo due mesi di allenamenti e l’avvio dei campionati di categoria.

“L’avvio della stagione ha dato sicuramente segnali incoraggianti” – esordisce Marta Carnovali, Responsabile del Settore Juniores Femminile.Considerando il panorama femminile italiano, abbiamo un gruppo discretamente numeroso, composto principalmente da atlete U15 ma che conta alcune ragazze in U17 e delle atlete classe 2005 passate in U19 questa stagione, attualmente in forza al gruppo Seniores. Nell’ottica di offrire alle atlete la possibilità di allenarsi con numeri più consistenti e aumentare i momenti di collettivo stiamo collaborando efficacemente con la Categoria U15 maschile di Rugby Parabiago e con le Juniores femminili di Monza e Cernusco, svolgendo allenamenti in congiunto oltre all’attività di Club.
Alcune atlete hanno iniziato con entusiasmo l’attività aggiuntiva del progetto PAF – Progetto Atleti in Formazione, interno al Club. Le ragazze hanno presenza costante e numerosa alle sessioni d’allenamento e dimostrano molta voglia di lavorare e migliorarsi: ciò è riscontrabile la domenica in campo, dove riescono sempre più spesso ad esprimere un gioco di qualità.
Nell’ottica del progetto WR delle Nazionali U18-19 e U20, le atlete del 2006 stanno partecipando alle selezioni che apriranno la possibilità di convocazione nel futuro gruppo Nazionale Juniores come avviene anche per le atlete classe 2005, in forza alla squadra Seniores.
Per la seconda parte della stagione ci auguriamo di riuscire, sia attraverso il lavoro svolto dal CRL che grazie alla collaborazione con altre società del territorio, di poter entrare in una fase di consolidamento più vicina al gioco del Rugby a XV, portando in campo attività di collettivo con numeri maggiori.
Il focus principale sarà sempre quello volto al divertimento ed alla crescita tecnica delle atlete, per evitare il drop-out sportivo e consolidare il gruppo internamente, sia a livello Juniores che Seniores in futuro; tutto ciò senza dimenticare l’essenziale sforzo di reclutamento che deve essere parte integrante dell’attività svolta dal Club.

Anche Riccardo Rizzo, Head Coach dell’Under15 maschile, è molto soddisfatto.

La stagione è iniziata molto bene sia a livello numerico sia di impegno e voglia. Abbiamo 47 ragazzi iscritti e siamo sempre riusciti a fare due squadre così da poter giocare tutte le partite nelle date che ha stabilito il CRL. La cosa che sto più apprezzando è la gran voglia e l’impegno che i ragazzi mettono in ogni allenamento e in ogni partita. Anche la copiosa iscrizione al PAF è la dimostrazione che hanno voglia di migliorarsi come atleti. La strada è lunga ma i segnali sono buonissimi. Lo staff è più che contento di come i ragazzi hanno approcciato la stagione e confidiamo che, se resteranno questi l’atteggiamento e l’attitudine, il proseguo della stagione sarà in crescendo.”

Riscontri molto positivi anche da parte di Juan Pablo Sanchez, allenatore dell’Under 17 maschile.

“Un inizio di buonissimo livello per il gruppo. La cosa più importante in questo avvio di stagione è stato l’inserimento dei ragazzi del 2007 che sono saliti dalla 15: il salto di categoria è notevole e c’è molta differenza fisica con i ragazzi anche solo di un anno più grandi. Inoltre, abituare i ragazzi ad un metodo di lavoro più “serio” rugbisticamente è una bella sfida, per farli arrivare alla seniores preparati. I ragazzi hanno risposto bene e lo staff è molto soddisfatto. Anche la collaborazione con Rho ha dei risvolti molto positivi: stiamo dando una mano a loro ma allo stesso momento anche i nostri ragazzi possono tutti giocare, cosa difficilmente realizzabile per i numeri se non ci fosse questa opportunità. Possono giocare tutti, divertirsi tutti e soprattutto crescere, che è la cosa più importante per noi come settore giovanile, come Club.

La prima parte del campionato è andata bene e ci siamo qualificati per il girone élite. Incontreremo squadre del Piemonte, della Liguria e milanesi. Sarà un campionato bello ed interessante, molto impegnativo e ciò costituisce un’opportunità di crescita non indifferente, lo abbiamo visto anche lo scorso anno. Ora lo vedremo con i ragazzi nuovi ma siamo molto ottimisti!”

 Anche per l’Under 19 di Andrea Musazzi la stagione è già in pieno svolgimento e ha mostrato ottimi spunti di riflessione.

“Siamo un gruppo giovane, abbiamo solo pochi ragazzi del 2003 sulle tre annate. 35 ragazzi, un buon numero per lavorare bene e potersi allenare con continuità. Siamo partiti con un barrage sulla carta proibitivo con Viadana, partita dentro o fuori per poterci giocare l‘élite 1 e abbiamo perso di due mete, senza aver demeritato. Abbiamo peccato un po’ d’inesperienza e di mancata organizzazione ma abbiamo fatto davvero una buona prestazione.

Il girone meritocratico che giocheremo ora ci darà la possibilità di confrontarci con squadre come Calvisano, Brescia, Viadana, in un girone superiore al livello territoriale e siamo fiduciosi: il gruppo è ben affiatato, la presenza agli allenamenti è costante e i ragazzi hanno voglia di lavorare. Non ci sono presupposti migliori di questi. Domenica giocheremo a San Donato: vogliamo riscattarci perché abbiamo giocato male con loro nel girone di qualificazione e la vittoria con ASR in amichevole lo scorso sabato ci dà il morale e la confidenza giusta per andare là a giocarci la partita nel migliore dei modi sereni e consapevoli della nostra forza.”